TecnoNews

Una raccolta delle ultime novità in campo informatico.

La perfezione comunicativa di un'azienda passa in buona misura dallo slogan che è ad essa legato. Dove c'è Barilla, si sa, c'è casa. Così come difficilmente, leggendo I'm Lovin ‘it, penserete di essere in un Burger King anziché al McDonald. È tutta questione di brand identity, e non è un caso che ci ricordiamo di alcune aziende, o prodotti, sebbene non li consumiamo. Have a break, have a KitKat, e magari il Kitkat neanche ci piace. Quando però non siete di fronte alla pubblicità o al logo del prodotto, siete in grado di collegare ogni slogan al suo marchio? Provate con [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Nessuna violazione delle leggi della fisica: la birra tende a salire insieme alle bolle al centro del bicchiere, mentre lungo i bordi scende, trascinando con sé alcune piccole bollicine (Foto: Quinn Dombrowski/Flickr)Sfoglia gallery10 immagini

Le bolle della birra a volte si muovono verso il basso Nessuna violazione delle leggi della fisica: la birra tende a salire insieme alle bolle al centro del bicchiere, mentre lungo i bordi scende, trascinando con sé alcune piccole bollicine (Foto: Quinn Dombrowski/Flickr)

Le bolle della birra a volte si muovono verso il basso
Sfoglia gallery10 immaginiLe bolle della birra a volte si muovono verso il basso Nessuna violazione delle leggi della fisica: la birra tende a salire insieme alle bolle al centro del bicchiere, mentre lungo i bordi scende, trascinando con sé alcune piccole bollicine (Foto: Quinn Dombrowski/Flickr)Le bolle della birra a volte si muovono verso il basso Nessuna violazione delle leggi della fisica: la birra tende a salire insieme alle bolle al centro del bicchiere, mentre lungo i bordi scende, trascinando con sé alcune piccole bollicine (Foto: Quinn Dombrowski/Flickr)I licheni, che bontà Sono uno degli ingredienti fondamentali della new nordic cusine, candidati [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Photo credit should read GABRIEL BOUYS/AFP/Getty ImagesPhoto credit should read GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images

Gli eschimesi hanno 50 parole per la neve. Oppure sono 100? 1000? Il numero esatto cambia a seconda della fonte che usiamo, che potrebbe essere tanto la Settimana enigmistica quanto un testo universitario. Questi fattoidi sono figli di quella che sembra un leggenda metropolitana nata nell'accademia, simile a quella del decimale spostato degli spinaci di Braccio di ferro. Nel libro Word Myths: Debunking Linguistic Urban Legends (Oxford University Press, 2008) Dave Wilton paragona la nascita della leggenda a una palla di neve lungo un pendio che diventa una valanga. Nel 1911 l'antropologo Franz Boas aveva scritto nell'introduzione a Handbook of American Indian languages che gli eschimesi usavano quattro parole con radici distinte per descrivere diversi tipi di neve. Allo stesso modo, spiegava l'autore, l'inglese usa radici diverse per parole legate all'acqua (liquid, lake, rain, river ecc…). La prima superficiale osservazione su come come gli eschimesi chiamavano la neve non sottintendeva quindi nessuna eccezionalità. Al contrario rifletteva su come lingue diverse derivano o meno parole dalla stessa radice per esprimere concetti associati e sulla relazione tra linguaggio e ambiente.

Il mito nasce trent'anni grazie a Benjamin Lee-Whorf, lo stesso della discussa teoria Sapir-Whorf portata sul grande schermo l'anno scorso da Arrival. Whorf, linguista autodidatta (era ingegnere chimico), tornò a parlare del linguaggio degli eschimesi, ma l'osservazione di Boas fu interpretata in maniera totalmente diversa. A differenza dei parlanti inglese secondo Whorf gli eschimesi avevano ben sette (e non più quattro) parole diverse per la neve, una dimostrazione del fatto fatto che la lingua determina il modo di pensare e percerpire la realtà (l'interpretazione più rigida della Sapir-Whorf, o relativismo linguistico): con più termini gli eschimesi possono riconoscere tipi di neve, che per un parlante inglese che usa snow non esisterebbero nemmeno.

parole eschimesi neve

Photo credit should read GABRIEL BOUYS/AFP/Getty ImagesGli eschimesi hanno 50 parole per la neve. Oppure sono 100? 1000? Il numero esatto cambia a seconda della fonte che usiamo, che potrebbe essere tanto la Settimana enigmistica quanto un testo universitario. Questi fattoidi sono figli di quella che sembra un leggenda metropolitana nata nell'accademia, simile a quella del decimale spostato degli spinaci di Braccio di ferro. Nel libro Word Myths: Debunking Linguistic Urban Legends (Oxford University Press, 2008) Dave Wilton paragona la nascita della leggenda a una palla di neve lungo un pendio che diventa una valanga. Nel 1911 l'antropologo Franz [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Tempo di spinoff per i supereroi Marvel: dopo il successo di Daredevil e dei suoi colleghi Difensori, anche The Punisher arriva su Netflix con una propria serie tv. Il personaggio del Punitore, interpretato degnamente da Jon Bernthal, ha già scaldato i cuori dei fan nella seconda stagione della serie Netflix dedicata al Diavolo senza paura. Frank Castle è un veterano di guerra (Vietnam, nei fumetti) che torna a casa solo per vedere la propria famiglia morire durante un picnic a Central Park, colta in una sparatoria tra due gang di malavitosi. Da quel giorno il suo unico scopo nella vita [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Il fatto che la Marvel Comics abbia aperto la strada al cinema di supereroi su grande scala, con universi condivisi, singoli film per ogni eroe e poi opere collettive che li mettono insieme e portano avanti trame più grandi, fa sì che siano anche il punto di riferimento e inevitabilmente molto di quel che hanno creato influenzi la concorrenza. Questa settimana è arrivato in sala Justice League che al suo corrispettivo Marvel, gli Avengers, deve molto e che a quello si rifà apertamente anche in virtù della collaborazione alla sceneggiatura di Joss Whedon (che Avengers l'aveva scritto e diretto). Benché una gran [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Ostello Bello Hostel Myanmar_Mandalay_Beautifull_Terrace
Se avete almeno 30 anni, pensare agli ostelli riporterà inevitabilmente in mente un'immagine poco piacevole: dormitori da 48 letti, non troppo puliti o profumati, con pochi bagni e docce da condividere e in cui, soprattutto, la concreta possibilità di farsi una serena dormita era solo una remota speranza. Ma era anche una soluzione che in tanti erano disposti ad accettare, pur di spendere 10 euro, o anche meno, per notte. D'altra parte, il primo ostello della gioventù fu fondato nel 1912 in Germania all'interno del Castello di Altena, nella Renania settentrionale, per dare la possibilità ai ragazzini più poveri di farsi, [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Il grattacielo Pirelli di MilanoIl verdetto definitivo arriverà lunedì. Allora si saprà se Milano ha battuto la concorrenza nella corsa per ospitare l'Agenzia europea del farmaco (Ema) che, a causa della Brexit, deve lasciare la sede di Londra. Il capoluogo lombardo era in lizza con altre venti città, tra cui Vienna, Copenhagen, Amsterdam, Bratislava. Da un primo esame dei parametri ritenuti essenziali per ottenere un'agenzia europea, è emerso che Milano risponde a tutte le caratteristiche. In queste partite, però, i titoli sono una condizione necessaria ma non sufficiente. Pesa piuttosto il risultato di alleanze e accordi politici. I Paesi dell'est, [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
(Foto: Jeff J Mitchell/Getty Images)In passato su una scimmia. Ora su un cadavere. E in un futuro imminente sulle persone vive. È l'ultima di Sergio Canavero, il medico torinese che da anni racconta di voler eseguire un trapianto di testa. E questa volta torna in scena affermando di averlo fatto su un cadavere. Secondo Canavero, infatti, il suo team di scienziati ha eseguito con successo un trapianto di testa su un cadavere: più precisamente, sarebbe riuscito a ricollegare la colonna vertebrale, i nervi e i vasi sanguigni. E come se non bastasse, precisa il medico, questo intervento chirurgico sarebbe stato [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Eutanasia
La proposta di legge sul biotestamento è ferma in senato da circa sette mesi e appare remota la possibilità che diventi legge entro la fine della legislatura. Fanno scudo e zavorra i cattolici che popolano tutte le aree politiche, oltre al Centrodestra e Alternativa popolare che sembrano inamovibili e decisi a votare no mentre, Movimento 5 stelle e Partito democratico propendono invece per il sì . A questo si vanno ad aggiungere gli emendamenti, migliaia, che dovranno essere esaminati durante le discussioni al Senato. L'opposizione dei senatori cozzano contro le parole di papa Francesco, che ha apertamente messo in discussione l'opportunità [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it
Dieci anni fa — era il 19 novembre 2007 — negli Stati Uniti appariva per la prima volta il Kindle e il mondo della lettura veniva stravolto. Una volta tanto sembra passato molto più tempo: poco dopo la comparsa dell'iPhone, un altro colosso allora lontano dall'hardware, Amazon, presentava questo lettore ebook che sarebbe diventato la metafora di tutti i lettori di libri digitali. Era un oggettino tutto sommato piccolo, bianco, con un display da sei pollici e una risoluzione da 167 ppi che offriva una grafica in scala di grigi a 4 tonalità. Le dimensioni non erano casuali: misurava 20.3 [...]
ven, Nov 17, 2017
Source: Wired.it